Nutrirsi di bellezza: l’aneddoto Cherokee dei due lupi

L’altro giorno io e un amico parlavamo di dipendenze. In tanti ci sono passati e nei modi più svariati: gioco, alcool, droga, fumo, social e tanto altro. Il desiderio di tornare viziosamente sull’oggetto in grado di appagare quella particolare necessità è sempre in agguato, la voglia di sentire il nostro corpo rilasciare dopamina in un meccanismo di ricompensa è forte.

Riflettevo su quanto sarebbe bello riempire le nostre vite di un altro tipo di dipendenza. Immaginate se esistesse la dipendenza dalla bellezza, dalla passione per la vita, dal coraggio di cambiare. Non sarebbe poi così male desiderare l’oggetto in grado di appagare una tale dipendenza. Riempirci quotidianamente di ciò che è bello per continuare a sentirci bene.

Perché in fin dei conti è ciò che ricerchiamo e di cui ci nutriamo che ci contraddistingue come uomini.

Se immagazziniamo solo e sempre odio sputeremo veleno. Se ci culliamo nell’ozio condanneremo chi ha voglia di fare. Se viviamo nella gelosia non saremo mai in grado di costruire qualcosa di nostro e di autentico. Se nuotiamo nella rabbia saremo capaci soltanto di generare conflitti.

Un po’ come nelle storie dei nativi americani che leggevo da bambino: un piccolo indiano Cherokee chiede all’anziano del villaggio circa il contenuto delle nostre anime.

Il Capo risponde: “in ognuno di noi albergano due lupi in conflitto: il primo è il lupo della rassegnazione, della noia, dell’autocommiserazione, dell’invidia, dell’odio. Il secondo invece, quello della gioia, della generosità, della gratitudine, del rispetto, della passione per la vita”.

Il piccolo prontamente chiede: “e chi vince grande capo?”

Sorridendo il capo Cherokee: “è semplice, quello a cui decidi di dar da mangiare”.

 

Foto di copertina: Thomas Bonometti | Unsplash

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Il blog di Alice Spiga

Amo scrivere, vivo scrivendo

Bhutadarma

Nothing is impossible (at least that does not violate the laws of physics). When you can..violate the laws of physics!

il mio piccolo mondo

benvenuti nel mio blog

Cecilia and me

Andando contro vento

Vita da Gnoma

Benvenuti da Gnoma Irma!

tramineraromatico

politically incorrect

Silenzio Fotografico

Fotografie che fanno rumore, in silenzio.

Sapori&Territorio

la conosceza, aiuta ad una vita consapevole

Chiara Saracino

Studio Storia e Critica dell'arte e dello spettacolo, laureata in Beni artistici e dello spettacolo all'Università di Parma. Sono cresciuta a Padova ma dal 2015 vivo a Parma dove la mia passione per l'arte continua e si fortifica. Sono innamoratissima di Edoardo con cui, oltre alla nostra magica relazione, condivido la mia vita e tutte le mie passioni.

Fine Della Storia

| Impossibile è una parola che esiste solo nel vocabolario degli stupidi ° Napoleone |

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: