Pure l’incertezza è liquida!

Nel vocabolario Treccani si può leggere sotto la parola incertezza:

“Stato più o meno passeggero di dubbio circa la verità di qualche cosa o i futuri sviluppi di una situazione”.

Una definizione quanto mai adatta al contesto di una generazione triste, quella dei nati tra la metà degli anni ’80 e i primi anni ’90.

Una realtà in cui l’incertezza diviene assioma e si fa materia che permea un’intera generazione al punto da entrarci dentro e restare attaccata alle nostre ossa.

Incerto è il futuro, incerto è il lavoro, incerte sono le relazioni.

Una generazione cresciuta a pane e “sogna ciò che vuoi perché lo potrai realizzare”. Il tutto subito smorzato da “accontentati di qualsiasi lavoro perché c’è crisi”.

E allora siamo stati cullati prima dall’idea del posto fisso e di una sogno italiano da raggiungere per ritrovarci sospinti ad allungare la mano e prenderci ciò che volevamo, a viaggiare, a essere la generazione Erasmus, a farci l’abitudine al lavoro flessibile.

Siamo stati cullati in un limbo di possibilità dove ogni cosa è realizzabile, dove tutto sembra vicino ma diventa irrimediabilmente lontano.

atharva-lele-103389-unsplash

Vuoi laurearti in Scienze delle scienze alimentari per sport da tavola? Fallo pure perché puoi. Ne hai la possibilità.

E ci siamo talmente abituati all’idea dell’incertezza, della precarietà, che quasi quasi l’idea di un posto fisso comincia a farci paura. L’idea di sacrificare la propria vita dietro una cassa di un supermercato ci tiene svegli la notte. Ma come, ci hanno insegnato a viaggiare, a essere flessibili, a prendere 600 euro al mese e adesso baratto questa precarietà con la mia vita dietro quella cassa?

E così che si avvia un processo perverso, alla ricerca della goduriosa incertezza. Come un bambino che non sa resistere a grattarsi via le crosticine per vedere la ferita sanguinare di nuovo, così ci teniamo immobilizzati nella nostra incertezza, perché ormai ci siamo abituati.

E guai a pensare di avviare un progetto di vita, una famiglia, un figlio. Responsabilità troppo più grandi del vittimismo che ci offre gratuitamente l’incertezza.

annie-spratt-469168-unsplash

Tutto è incerto, tutto è liquido. Liquido perché l’ignoto è davanti a noi. Un futuro che non si materializza perché è inimmaginabile programmarlo. Un futuro dove gli obiettivi a lungo termine delle aziende sono inquadrati nell’arco temporale di un anno al massimo.  Un futuro che non ci dà la possibilità di immaginarlo perché appena ci si ferma a pensarlo esso è già cambiato.

Tutto è liquido, tranne la solida mazza della realtà che arriva a colpirci sui denti nei momenti in cui cerchiamo di allontanarci da quell’incertezza: bollette da pagare, mutui da estinguere, tasse da versare, responsabilità di cui farsi carico.

E allora cominci a pensare che quello “Stato più o meno passeggero di dubbio circa la verità di qualche cosa o i futuri sviluppi di una situazione”  non sia più così tanto passeggero.

Questa è la generazione dell’incertezza che genera disagio. Crea un vuoto che a tratti sembra incolmabile ma che in fin dei conti, una volta fattaci l’abitudine, potrebbe quasi cominciarci a piacere.

 

Foto copertina: Edu Lauton on Unsplash
Foto 1 articolo: Atharva Lele on Unsplash
Foto 2 articolo: Annie Spratt on Unsplash

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

il mio piccolo mondo

benvenuti nel mio blog

Cecilia and me

Andando contro vento

Vita da Gnoma

Benvenuti da Gnoma Irma!

tramineraromatico

fuori dal gregge

Silenzio Fotografico

Fotografie che fanno rumore, in silenzio.

Sapori&Territorio

la conosceza, aiuta ad una vita consapevole

Chiara Saracino

Studio Storia e Critica dell'arte e dello spettacolo, laureata in Beni artistici e dello spettacolo all'Università di Parma. Sono cresciuta a Padova ma dal 2015 vivo a Parma dove la mia passione per l'arte continua e si fortifica. Sono innamoratissima di Edoardo con cui, oltre alla nostra magica relazione, condivido la mia vita e tutte le mie passioni.

Fine Della Storia

| Impossibile è una parola che esiste solo nel vocabolario degli stupidi ° Napoleone |

Arturo Caissut

Impressioni di un Ingegnere viaggiatore

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: