Downshifting: riscoprire l’autenticità della vita

La parola downshifting significa letteralmente scalare la marcia, rallentare. È una pratica che ha conquistato un crescente successo negli Usa prima e in Europa poi.

Il downshifting consiste nella riduzione volontaria delle proprie ore di lavoro e di conseguenza del proprio salario per dedicare il tempo guadagnato ad attività capaci di migliorare il nostro stato psicofisico (hobby, volontariato, sport, relazioni sociali). I downshifter più radicali possono anche decidere di abbandonare definitivamente il loro lavoro per dedicarsi alle proprie passioni, ridisegnando uno stile di vita sobrio, lontano dallo spreco di denaro per oggetti che non sono indispensabili per condurre una vita serena.

I tratti fondamentali di questa filosofia sono sicuramente un ritorno alla semplicità, la possibilità di vivere con meno, spendere meglio, riscoprire una manualità dimenticata e riappropriarsi di un intimo rapporto con la natura.

Uno dei pionieri del downshifting italiano è senza dubbio Simone Perotti, oggi scrittore e skipper, che ha abbandonato il suo lavoro (sicuro e ben pagato) di dirigente aziendale, per dedicarsi alle sue passioni e soprattutto modificando profondamente il proprio stile di vita. Simone Perotti ha pubblicato il primo saggio autobiografico “Adesso Basta” (Chiarelettere) nel 2009, in cui ripercorre le tappe fondamentali della sua scelta e descrive le sue nuove condizioni di vita, dando interessanti spunti economici e in termini di auto-produzione e spese domestiche.
Vi invito a dare un’occhiate al video seguente in cui l’autore riassume quella che è la sua filosofia.


E voi cosa ne pensate? Il fenomeno del downshifting cresce al ritmo di un milione di nuovi casi ogni anno nel mondo. Potrebbe essere una pratica in grado di prendere piede con maggiore consistenza anche nel nostro Paese?

7 thoughts on “Downshifting: riscoprire l’autenticità della vita

Add yours

  1. Non so: mi sembra una cosa da ricchi dirigenti, che possono permettersi lavori ‘fantasiosi’ e rilassanti.
    Un mio amico, ancorché laureato e con un master, lavora come autista per una cooperativa che fornisce autisti (“schiavi” li chiamerei) ai corrieri internazionali: se gli concedono le ferie non ha malattia, e viceversa, lavora come un matto, senza orari, per permettersi uno stipendio normale – ma che downshifting si può permettere?

    Mi piace

    1. Ciao Andrea. In realtà nel caso di Perotti, riesce a vivere con 8000€ l’anno. Il concetto di downshifting deve per forza di cose allinearsi con quello di sobrietà: spendo meno e spendo meglio. Ovviamente delle entrate debbono esserci (ahimè non viviamo solo di aria!) e secondo l’autore possono essere commisurate alle spese. Lui, ad esempio, i primi tempi si era messo a tinteggiare staccionate e pulire barche per mantenersi. Oggi credo che la sua condizione sia cambiata grazie all’entrate garantite dalle royalties sui libri ma egli sostiene comunque di seguire uno stile “spartano”.
      Io la vedo come una possibilità, al momento, fattibile per quelle persone che lavorano da remoto o magari lavorano con contratti part-time.
      Ad ogni modo, se ne hai la possibilità, dai una letta al suo saggio. Grazie per il commento e buona serata.

      Liked by 1 persona

      1. Ciao.
        Sì, anche io ho vissuto un periodo spendendo all’incirca la stessa cifra (400€ di affitto e circa 350€ per vivere): mi divertivo, ma bisogna scordarsi i piccoli lussi, i piccoli vizi (il caffè al bar!), il dentista, una macchina con meno di 10 anni, una famiglia, una casa con un mutuo…
        Proverò a mettere in lista il libro di Perotti, ma parto dal pregiudizio che una ristrutturazione dell’economia della società darebbe risultati più duraturi per il benessere dei cittadini 😉
        Grazie a te per il post interessante!

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

Cecilia and me

Andando contro vento

Vita da Gnoma

Benvenuti da Gnoma Irma!

La Volpe Spettinata

TUTTI I GIORNI UN NUOVO ARTICOLO!

tramineraromatico

fuori dal gregge

Sapori&Territorio

la conosceza, aiuta ad una vita consapevole

chiarasaracino's Blog

essere distanti

Fine Della Storia

| Impossibile è una parola che esiste solo nel vocabolario degli stupidi ° Napoleone |

Arturo Caissut

Impressioni di un Ingegnere viaggiatore

Diario di Petra

"La bellezza salverà il mondo" (Dostoevskij)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: